LINO D’ANDREA e i diritti dei minori

Terzo appuntamento con il ciclo di video-interviste “Storie di persone, storie di diritti, storie che hanno fatto la storia“, in cui alcune personalità, che nella città di Palermo, si sono distinte per aver sostenuto e portato avanti i diritti dei più deboli, si raccontano davanti alle telecamere del Consultorio dei diritti MIF.

Una chiaccherata informale e accogliente dove poter conoscere in maniera più approfondita la persona intervistata, conoscendo aspetti del proprio percorso di vita che, nei contesti pubblici di tutti giorni difficilmente vengono fuori.

Oggi i volontari del Consultorio dei diritti MIF sono andati a trovare l’attuale Garante dei diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza del Comune di Palermo, Lino D’Andrea.

In un assetto informale Lino racconta la sua storia, che inizia a Napoli, in una famiglia modesta, che passa per diverse esperienze lavorative e sociali che lo porteranno, a Palermo, a fondare, con un gruppo di colleghi della allora ITALCABLE, un dopolavoro “alternativo” impegnato in attività di teatro di strada nei quartieri periferici della Palermo anni ’80.

Nel 1990 nasce Arciragazzi a Palermo per la promozione e la tutela dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, l’impegno di Lino D’Andrea e di altre persone porta, nel 1991 alla legge 176 che di fatto rende operativa la Carta dei diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza, ratificata dall’ONU due anni prima a NEW YORK.
Da qui una storia di impegno civile e di volontariato che lo porta, nel 2013 ad essere nominato GARANTE DEI DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA NEL COMUNE DI PALERMO, carica che ricopre tutt’ora.
Un’intervista, a cura di Carmelina Vaccaro, molto intensa, dove si parla di politica, di impegno e di volontariato, BUONA VISIONE.

Lascia un commento

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial