Apri un MIF Point nella tua città

Il Consultorio dei diritti MIF, acronimo di Minori, Migranti e Famiglie, è una sorta di poliambulatorio dei diritti che, da avamposto avanzato, dà corpo all’essere il diritto strumento di tutela, lo coagula come “luogo” idoneo a fornire risposte empiriche, concrete, efficienti alla concretezza delle domande di giustizia espresse da quel tessuto sociale.

Determinatamente voluto da un giovanissimo gruppo di professionisti, oggi più di 100, una palestra di formazione dall’organigramma volenteroso e complesso, una risorsa che intende mostrare un volto nuovo alla comunità: un’espressione genuina di solidarietà e di sentirsi comunità.

La nostra è la storia dell’incontro tra una domanda di tutela concreta reclamata on the street e l’esigenza, avvertita come imperiosa, di declinare risposte a questa domanda di tutela, presidiando il territorio: creando un “luogo” idoneo a fornire risposte empiriche, concrete, efficienti alla concretezza delle domande di giustizia espresse da quel tessuto sociale.

Siamo presenti a Palermo e a Genova, adesso necessitiamo di un tuo contributo per poter esportare il modello in altre città d’Italia: creare il gruppo di lavoro, formarlo step dopo step e renderlo operativo a servizio di minori migranti e famiglie della comunità di appartenenza


FEDERICA GENNARO
avvocato

Il Consultorio dei diritti MIF (Minori, Immigrati, Famiglie) è caratterizzato da un ambiente professionale, vario, dinamico e frizzante, sempre in fieri. E’ un ente che porta avanti tutti i progetti che si prefigge, valorizzando i professionisti, al fine di raggiungere  e rispettare la mission dell’associazione stessa, così sintetizzabile: “La persona al centro”. Sono una professionista che collabora con il M.I.F. da tanti anni, perennemente orgogliosa di farne parte. Poter aiutare l’altro, restituendo  la dignità di uomo  alle persone, che sono meno fortunate, mi fanno sentire soddisfatta e felice.


VALERIA GATTUSO
amministratrice di condominio

Il mif ha incrociato la mia vita in un momento, per me, di rinascita. Quando mio fratello Bruno e l’amico Andrea Maniaci mi hanno parlato del fine di questa associazione, ne ho abbracciato con entusiasmo il progetto. Ciò che mi ha spinto non è stata tanto la classica “umanità “ di cui ci si imbroda quando si fa qualcosa per gli altri a titolo gratuito quanto il desiderio legittimo di riconoscere diritti al l’essere umano, chiunque sia.
Infatti, il consultorio dei diritti MIF (Minori, Immigrati, Famiglie) è un’associazione che supporta e tutela i diritti delle fasce più deboli della popolazione e lo fa attraverso l’aiuto di una serie di figure professionali che mettono a disposizione le proprie competenze per supportare chi , in quel momento, si trova in difficoltà.
E , in quest’ottica, mi si è aperto un mondo. Un universo fatto di persone, uomini e donne, ragazzi e ragazze che si rivolgono al Mif per usufruire del parere di un esperto , parere che , diversamente, farebbero più fatica ad ottenere.
E poi l’incontro con gli altri associati, l’ascolto delle loro esperienze e del loro ruolo, i momenti di ascolto, condivisione piena e, perché no?, anche di sano scontro , sono tutti fattori che contribuiscono a stimolarmi maggiormente e a trarre sempre più proficui spunti di riflessione.
Ma il MIF non è solo puro ascolto della problematica posta da colui che si rivolge al Consultorio, ma è anche promozione di una serie di iniziative, come ad esempio la linea d’ascolto in questo momento di isolamento da Covid 19 che ha dato la possibilità, attraverso promozione sui canali social, di colmare quel senso di tristezza e solitudine che ha pervaso il singolo. Il MIF è stato anche l’apertura di uno sportello a Genova che ha messo, ne sono certa, una prima pietra per un progetto di espansione.
Perché è sacrosanto pensare all’ espansione di una grande sensibilizzazione quando si parla di qualcosa che nasce con l’essere umano: il concetto di diritto e la dignità di averlo riconosciuto.
Come diceva Tom C . Clark, politico Statunitense, :”Il diritto non è ciò che ti viene dato da qualcuno; è ciò che nessuno può toglierti.


CLAUDIA VITALE
avvocato

Il MIF è una Famiglia che si prende cura della sua Casa. Un professionista che entra a far parte della famiglia MIF impara, fin da subito, che nella definizione “associazione di promozione sociale” la parola che racchiude l’essenza del Consultorio è “promozione”. È sul significato di quel termine che si fondano gli ideali ed i valori del MIF: contribuire a far progredire, appoggiare, favorire, incentivare, proteggere, sostenere, supportare…è così che il Consultorio dei diritti MIF si prende cura della sua Casa.


CLAUDIA SORRENTINO
avvocato

 Il mif è un sogno che diventa realtà.  L’opportunità di offrire agli utenti una gamma di servizi non settorializzati, ma che guardano all’individuo nel suo insieme e nella sua completezzaè senza precedenti. Essere volontari del mif significa avere la possibilità di fare la differenza nella società in cui vivi  e incontrare dei professionisti animati dalle stesse passioni e ideali.


CARMELINA VACCARO
pedagogista

Diritti, ascolto, supporto, multidisciplinarità, professionalità, Volontariato.  Parole…? no. Metodologia, stile associativo del consultorio dei diritti Mif. “Ma chi te lo fa fare?” Voglio vivere in una società dove la giustizia, il ben-vivere, il rispetto delle persone , i diritti siano tutelati. Dove chiunque ha un bisogno, un diritto negato una difficoltà abbia la possibilità di essere aiutato, ascoltato, supportato e gratuitamente se non può permetterselo. Io Ascolto e supporto con gli altri professionisti  aiutiamo e informiamo. 

ELIANA GIULIANO
psicologa

Per me il mif è cooperazione, integrazione, sostegno e solidarietà, contribuire a cambiare e sostenere la nostra società.

BRUNO GATTUSO
avvocato

Non incontrerai mai arcobaleni se continui a guardare in basso. Ecco far parte del MIF ti catapulta in un vortice di emozioni indescrivibili che ti consentono di incontrare una miriade di arcobaleni.  Questi, altro non sono che gli sguardi delle persone che ne fanno parte e che il MIF ti permette di incontrare. L’eterogeneità dei professionisti che ne fanno parte permette di creare una commistione tra emozioni, valori ed ideali unica.

ANTONELLA SERIO
insegnante

sono una socia sostenitrice per i valori e le metodologie che esprimono un valore significativo all’interno della società odierna


Vogliamo guardare al futuro ed essere pronti sin da subito: con il tuo contributo potremo realizzare un nuovo point e gestirlo per un intero anno, nella città che tu vorrai e se ti facesse piacere, intestarlo alla tua società.

3 contributi differenziati, dopo 1 anno che succede? :

  • 5.000€ (co-intestazione del point  con altre 4 società, città a scelta dell’associazione)
  • 12.500€ (co-intestazione del point  con un’altra società, città a scelta dell’associazione)
  • 25.000€ (nome al point  nella città che la società sceglie, gadget per i dipendenti società)
  • Oppure puoi fare una donazione libera tramite paypal

Per maggiori dettagli scarica il cronoprogramma e la ripartizione del budget per l’apertura di un MIF POINT cliccando qui

Il Consultorio dei diritti MIF diviene, allora, l’output di un modo di intendere il diritto come laboratorio di promozione della dignità umana: l’intento è fornire risposte concrete – attivando meccanismi, agevolando sinergie, accendendo risorse di rete – alle domande concrete di giustizia che bussano alla porta.

Teoria e pratica del diritto convergono, così, sintonizzate lungo una stessa lunghezza d’onda: tutela della persona e protezione della vulnerabilità ne sono le declinazioni focali.

Ha cantato, tempo fa, Edoardo Bennato: «Seconda stella a destra, Questo è il cammino E poi dritto, fino al mattino Non ti puoi sbagliare perché Quella è l’isola che non c’è E ti prendono in giro Se continui a cercarla Ma non darti per vinto perché Chi ci ha già rinunciato E ti ride alle spalle Forse è ancora piu pazzo di te».

Noi siamo in cammino, Con determinazione. Vuoi fare un pezzo di strada insieme?

Are you ready?

Fai subito una donazione per aprire un MIF POINT nella tua città o comune

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial