Michela Cuneo

Nata a Chiavari nel 1985, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze Pedagogiche e dell’Educazione, indirizzo Scienze dell’Educazione, presso la Facoltà di Scienze della Formazione di Genova nel 2014 con una tesi triennale in Storia del teatro dal titolo “La funzione del teatro in ambito sociale e pedagogico: una scommessa?”

Con all’interno un capitolo dedicato ad un Progetto di educazione alla teatralità dedicato alla fascia dei bambini dell’Asilo Nido. Attualmente è iscritta al Corso di Laurea Magistrale in Pedagogia, Progettazione e Ricerca Educativa. Educatrice e animatrice per passione e amore, si è avvicinata all’Associazione di Volontariato Circolo Vega affiliata all’Arciragazzi, occupandosi sia di attività educative che di animazione con vari progetti attivi sul territorio genovese.

Dal 2011 lavora in modo continuativo presso l’Asilo Nido “ L’Arca di Noè “ e conduce laboratori e interventi ludico didattici per bambini nella fascia dagli 0 ai 3 anni in base alle programmazioni decise all’interno dell’equipe educativa della struttura. In qualità di vicepresidente dell’Associazione Eliodoro collabora con l’equipe multidisciplinare nell’elaborazione di diversi progetti di laboratori nelle scuole e presso la sede dell’Associazione utilizzando come strumento e filo conduttore dei nostri percorsi educativi il testo il Compasito, che fornisce una chiave di lettura per il lavoro sui diritti sia dal punto di vista pratico che teorico. Si è specializzata, attraverso corsi formazione tenuti dai formatori del Comune di Genova, sulla letteratura per bambini e sui libri da poter leggere ai bambini nelle diverse fasce d’età.

Ha svolto un Corso di Teatro Sociale per due anni organizzato dal Teatro dell’Ortica di Genova in collaborazione con la Provincia di Genova e l’Università degli Studi di Genova e la Facoltà di Scienze delle Formazione tra il 2012 e il 2014 e poi ha completato il percorso con il Master di formazione in Teatro Terapia dal 2015 al 2016 con Walter Orioli tra Genova e Colico.

Nella sua vita ha preso parte a diverse scommesse e, tra queste, il desiderio di far parte del Mif trova la sua motivazione nell’adesione al valore della multidisciplinarietà, fondamentale per supportare gli altri e mettersi assieme in un grande cerchio sostenendosi a vicenda con le diverse professionalità.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial